Top.Mail.Ru
 



Se la memoria degli architetti italiani che hanno creato il loro lavoro e talento: palazzi, cattedrali, monumenti di San Pietroburgo è ancora viva oggi, allora la vita musicale della Russia nel XVIII secolo per un normale ascoltatore inizia, di regola, solo con il lavoro di MI Glinka.Filling the gap esistente, etichetta discografica ReachSound. Art, nella continuazione della serie "Russian Early Music" ha pubblicato una registrazione unica del quartetto d'archi di Josephus Andreas Fodor, presumibilmente scritta nel 1790 ed eseguita dall'ensemble "Solisti di Caterina la Grande".

1 visualizzazione0 commenti

Post recenti

Mostra tutti